SSR: impressum fa causa per contratto collettivo di lavoro

impressum vuole diventare un partner sociale a tutti gli effetti della SSR e rappresentare i dipendenti insieme al SSM. impressum ha sempre difeso il servizio pubblico dei media e vuole partecipare in modo costruttivo al partenariato sociale. Insieme, l'SSM e impressum saranno più forti e i membri di impressum saranno su un piano di parità sotto tutti i punti di vista.

uth La questione è vecchia: impressum ha presentato una denuncia già nel 1991, all'epoca ancora sotto il nome di FSG. Mentre le trattative erano in corso, è stato concordato un accordo provvisorio per negoziare in seguito una soluzione a lungo termine - o per intentare un'altra causa. Grazie a questo accordo, impressum ha ottenuto lo status di osservatore nei negoziati CCL. Da allora, un rappresentante di impressum presenzia ai negoziati del CCL e contribuisce in modo costruttivo, ma solo in posizione di osservatore.

La libertà di associazione dovrebbe applicarsi anche ai fornitori di servizi pubblici nazionali

Ma di cosa si tratta? Si tratta innanzitutto della libertà di associazione. Ogni dipendente della SSR deve poter scegliere l'associazione che lo rappresenta nei confronti del datore di lavoro. Si tratta di un diritto fondamentale che viene negato proprio dal maggior fornitore di media pubblici. Sembra inoltre ovvio che il principale datore di lavoro svizzero di giornalisti debba anche stringere un partenariato sociale con la più grande organizzazione svizzera di giornalisti.

Ma è anche una questione di uguaglianza. Molti giornalisti hanno buone ragioni per voler rimanere con impressum, anche se lavorano per la SSR. Innanzitutto, vogliono essere rappresentati da un'organizzazione indipendente che garantisca loro anche un'assicurazione di tutela legale con un avvocato indipendente in caso di difficoltà. Inoltre, in quanto giornalisti indipendenti, reputano importante il fatto che impressum non faccia a loro nome raccomandazioni politiche che nulla hanno a che fare con la politica dei media, come nel caso dei sindacati USS. E vogliono poter scegliere liberamente l'associazione che li rappresenta, dal momento che 156 franchi all'anno vengono detratti dal loro stipendio. Questo “contributo alle spese di attuazione” va esclusivamente al sindacato interno, il SSM (Sindacato svizzero dei lavoratori dei media). Questo vale anche per i membri di impressum.

In pratica, un “accordo parallelo” significa aderire al CCL esistente.

Dagli anni '90 si sono tenute più volte discussioni e trattative con il SSM e la SSR. Sono stati proposti numerosi modi per integrare gradualmente e armoniosamente impressum e i suoi membri nel partenariato sociale. Tuttavia, nonostante la comprensione dei colleghi del sindacato interno, a impressum è sempre stato negato l'accesso al CCL; questo non gli ha comunque impedito di difendere lealmente gli interessi dei dipendenti della SSR, e della SSR stessa. Ciò è stato particolarmente evidente quando impressum ha sostenuto senza riserve e in modo convincente la campagna contro la "No Billag". Ma impressum si schiera sempre a favore dei media pubblici anche in diverse altre attività politiche. Per garantire che la collaborazione e la lealtà non rimangano unilaterali, il Comitato centrale di impressum ha deciso di far valere il partenariato sociale attraverso un'azione legale.

impressum vuole quindi fare causa comune con il SSM. Ma perché la denuncia di Impressum fa riferimento a un "accordo parallelo"? Il termine è confuso e porta a fraintendimenti. In realtà, non si tratta di creare una struttura parallela a quella esistente grazie al CCL, come talvolta erroneamente si pensa. Questo non sarebbe né sensato né praticabile, e nemmeno necessario. Con un "contratto parallelo" gli organi e i gruppi di lavoro esistenti verrebbero mantenuti - semplicemente con la piena partecipazione di un membro di impressum, ove opportuno, poiché i membri di impressum avrebbero ora pari diritti e voce in capitolo. La strada del "contratto parallelo", ovvero, quindi, di un CCL con lo stesso contenuto tra impressum e il SSM, è stata scelta per ragioni giuridiche formali, in quanto era necessario intraprendere questa azione solo contro il SSM e non contro i colleghi del SSM. Se il SSM e la SSR fossero disponibili a unire impressum al CCL esistente, impressum ritirerebbe immediatamente la sua azione per un contratto parallelo. Ma che si tratti di un contratto parallelo o di un'adesione, l'effetto sarà lo stesso.

Entrambe le varianti portano alla parità di diritti. Una volta stabilito ciò, l'SSM e l'impressum lavoreranno insieme. Solo una stretta collaborazione ha senso e favorisce gli interessi dei dipendenti. L'obiettivo di impressum è che il SSM e impressum lavorino insieme, si rappresentino a vicenda, definiscano posizioni comuni e difendano i dipendenti dalla SSR unendo le forze. Infine, ma non meno importante, vogliamo aumentare insieme il numero di iscritti al sindacato presso la SSR.

Parità di trattamento per i rappresentanti di impressum

Molte persone che vogliono lavorare per i loro colleghi e che sono membri di impressum hanno subito una disparità di trattamento. Ad esempio, l'articolo 35 del CCL recita: “Per l’esercizio della loro attività sindacale i rappresentanti dell’SSM beneficiano di congedi pagati”. Anche i membri dell’SSM che non sono coinvolti attivamente hanno diritto a ferie per partecipare a eventi della sezione o alle riunioni dei delegati. Questo non è il caso per membri di impressum, e costituisce un esempio di come i membri di impressum siano sistematicamente esclusi dal partenariato sociale. In linea di principio, hanno il diritto di partecipare alle commissioni miste in qualità di osservatori. Ma non hanno alcun diritto di codecisione, e ovviamente lo fanno nel loro tempo libero. E quando la direzione della SSR ha qualcosa da comunicare all'organizzazione dei dipendenti o discute di una ristrutturazione imminente, i rappresentanti di impressum sono sempre lasciati fuori. E l'elenco continua. In ultima analisi, però, non è nell'interesse di nessuno che una parte dei lavoratori sia esclusa dal partenariato sociale. Questo è un altro motivo per cui impressum sta cercando di diventare un partner sociale a tutti gli effetti.